Wonderful Italy: Capri…. l’isola selvaggia e raffinata

 

trip-capri

Come non menzionare Capri tra le eccellenze d’Italia? Il suo Paesaggio di bellezza selvaggia sembra scolpito dal vento. Già famosa agli inizi dell’800, l’isola è un mito che ha sempre incantato pensatori, intellettuali e imperatori… Proprio a partire dall’imperatore romano Tiberio, che vi fece costruire la magnifica Villa delle quali restano notevoli testimonianze, Capri ha sedotto tanti personaggi internazionali ed ha ispirato le opere di August von Platen, Ferdinand Gregorius, Ada Negri, Axel Munthe e Norman Douglas.

Dal punto di vista geografico, Capri è la continuazione di Sorrento, dalla cui Punta Campanella dista solo 4 miglia marine. Formata da un unico compatto blocco calcareo, l’isola presenta una costa ripida e molto frastagliata, coronata a tratti da grandi e bizzarri pilastri rocciosi, i celebri Faraglioni. Le grandi caverne a pelo d’acqua, sono una ricchezza incantevole perché caratterizzate da suggestivi giochi di luce che creano effetti di stupefacente bellezza. Sono ben 65 grotte, di cui la più celebre è quella “azzurra”.

caprigrotta
L’isola ha due comuni, Capri e Anacapri e due pittoreschi centri abitati, Marina Grande, dove c’è il porto, e Marina Piccola. Dalla Marina Grande parte la Funicolare che, in pochi minuti, conduce a Capri che può essere raggiunta anche seguendo i percorsi pedonali tra case sparse in mezzo a rigogliosi agrumeti e vigneti. Il centro di Capri è la Piazzetta, un vero e proprio salotto all’aperto, in posizione panoramica, frequentato dal bel mondo e dal jet set internazionale.
Da visitare è la Parrocchia di S. Stefano di stile barocco edificata nel XVII secolo sulle rovine di una preesistente cattedrale e la Certosa di S. Giacomo al cui interno sono custodite pregevoli opere d’arte. Sull’altura di Santa Maria del Soccorso ci sono le rovine di Villa Jovis, detta Palazzo di Tiberio, che costituiscono un mirabile esempio di villa romana dell’età imperiale. Non lontano si trovano le rovine di un’antica Torre del Faro. Il belvedere di Tragara offre poi un paesaggio incantevole sui sottostanti Faraglioni e la Marina Piccola.

marinapiccola
Da Capri un altro itinerario porta al Monte Solaro, raggiungibile in seggiovia o a piedi attraverso una mulattiera, se si vuole ammirare lo spettacolo della natura.
Dalla mulattiera per il Monte Solaro si diparte una strada in località la Crocetta che conduce al Santuario di S. Maria a Cetrella, in posizione panoramica su Capri e sulla costa sorrentina.
Da Anacapri, in direzione per Damecuta, si possono visitare gli scavi dell’ultima delle tre ville romane. La Torre di Damecuta, eretta nel Medioevo a difesa delle coste capresi, è un punto panoramico verso Ischia, Procida e il Golfo di Napoli.
Lungo la strada che da Anacapri riporta a Capri merita una visita Villa S. Michele costruita da un medico svedese nei paraggi di una cappella dedicata al santo e sulle rovine di una preesistente villa romana.
Ai tanti richiami culturali, al fascino del mare e della natura, Capri unisce quello dello shopping. Tanti i prodotti tipici che possono essere acquistati sull’isola, come quelli di abbigliamento, i gioielli e i profumi, esposti nelle vetrine delle botteghe artigiane locali o nelle lussuose boutique delle grandi griffe internazionali.
carpipiazzetta

 

About Author

client-photo-1
maisto

Comments

Lascia un commento